Ringrazio tutti quelli che visiteranno il mio blog.


Torta salata di Ferragosto

Negli anni '60 le famiglie che avevano disposizione un 'automobile erano poche.
I fortunati avevano la Fiat 500 o la Vespa.
Per gli spostamenti si usava l'autobus, anche per andare alla domenica al mare,
cosa che faceva anche la mia famiglia.

Per il pranzo in spiaggia ci si organizzava dal giorno prima, in modo da partire presto.
Ognuno portava una borsa con tegami , vivande varie, ecc...
Non ricordo se anch'io contribuivo al trasporto, ma ricordo benissimo cosa si mangiava.....
Melanzane ripiene della zia "Cira", focaccia barese, panini alla mortadella preparati
con il pane di Altamura e per finire l'anguria.

 Per chi non e' vissuto in quegli anni queste scene faranno sorridere, ma la
realta' era proprio questa .

In ricordo di quelle domeniche al mare in Puglia, ho pensato di realizzare,
 per la  3° ricetta da Testimonial del Consorzio del Pecorino Sardo Dop,
una torta salata da poter mangiare fredda per ferragosto,
con la collaborazione del Pecorino Sardo Dop Dolce.   

Torta salata di Ferragosto

Ingredienti:
- un disco di pasta sfoglia da 22/24 cm.
- 3 pomodori tipo San Marzano
- 3 uova sode
-200 ml. di panna da cucina
- 150 g. di Pecorino Sardo Dop Dolce
- 30 g. di olive verdi denocciolate
- origano q.b.
- pane grattugiato q.b.
- olio extravergine di oliva


Procedimento:
Far cuocere a bagnomaria la panna insieme al Pecorino Sardo Dop Dolce
 fatto a pezzetti molto piccoli , meglio ancora se grattugiato (si sciogliera' piu' velocemente).
Deve formarsi una cremina densa. Fatta la cremina lasciatela raffreddare.

Ed ora procediamo alla preparazione degli ingredienti per la farcitura.
Fare cuocere le uova farle raffreddare , sgusciarle e tagliarle a fettine.
Lavare e tagliare i pomodori a rondelle di almeno 3 mm.
Tritare con la mezzaluna le olive verdi ,

Ricoprire la teglia con la carta da forno e disporvi il disco di pasta sfoglia.
Disporre alla base le rondelle di pomodoro,
Sui pomodori mettere uno strato di crema di Pecorino Sardo Dop Dolce .
Adagiare le fettine di uova sode, le olive tritate e cospargere il tutto con dell' origano.
 
Mettere un altro strato di crema di Pecorino Sardo Dop Dolce
e sopra ricoprire con i pomodori rimasti.
Per ottenere una crosticina croccante utilizzare le olive tritate avanzate,
2 cucchiai di olio extravergine di oliva, del pane grattugiato quanto basta
 e un po' di origano. L'impasto non dev'essere ne' troppo secco e neanche troppo liquido.
Adagiare l'impasto sull' ultimo strato di  pomodori.
Decorare con eventuali  pezzi di pasta sfoglia avanzati.
 
Mettere in forno preriscaldato a 170° almeno 40 minuti.
La torta deve dorarsi .
Ed ecco il risultato.
La mia torta salata di Ferragosto con il Pecorino Sardo Dop Dolce 
Anche in questo caso ho voluto usare il Pecorino Sardo Dop Dolce,
perche' essendo meno stagionato ben si  scioglie con la panna,
 per fare la crema di formaggio.

Il Pecorino Sardo Dop e' adatto per qualsiasi piatto,
basta solo scegliere tra quello Dolce o Maturo.


Spero che anche questa ricetta vi sia piaciuta e vi aspetto al prossimo appuntamento
 con il Pecorino Sardo Dop e........

Per ulteriori informazioni su questo ottimo formaggio potete consultare il sito :


Questa ricetta la potete trovare anche sul sito di Alice Tv
Nel mio 2° blog : Pizza, crostata e altre golosita'

http://blog.alice.tv/pizza-crostataealtregolosita/2015/08/03/torta-salata-di-ferragosto/